pagina precedente

LUCA MATTERAGLIA
( alpinism/climbing )

Luca Matteraglia ama la montagna e ancora di più vivere a stretto contatto con la natura.

 

Le parole con cui descrive se stesso ci sono piaciute davvero tanto e abbiamo preferito lasciarle così come sono:

 

"Ha avuto un educazione molto sportiva e di conseguenza adesso faccio il possibile per combinare sport, montagna e divertimento… divertimento che per me, tengo a dirlo, è anche salute. Sono cresciuto in città e come quasi tutti facevo uno sport di squadra che nel mio caso era il rugby, sport fisico e molto etico nel rispetto delle regole, uno sport che consiglio a tutti i bambini per sviluppare il senso di competizione, di rispetto per i compagni e per gli avversari, di conoscenza di sé, dei propri limiti e delle proprie capacità, dello spirito di sacrificio. I lati negativi sono le botte che si prendono, ma in un certo senso fanno crescere anche quelle, mentre quando il gioco diventa professionismo è professionismo come in ogni altro sport, legato al denaro, ed è stato proprio questo a farmi smettere all’età di vent’anni nonostante giocassi per la nazionale U21 e la prima squadra di Padova, il Petrarca.

L’interesse per la montagna è arrivato dopo ma in realtà la passione ce l’ho sempre avuta, in particolare per lo sci che faccio da quando ho 4 anni, ed il termine della carriera con il rugby ha segnato l’inizio delle mie esplorazioni negli sport di montagna. Ho imparato lo snowboard ed il telemark, l’arrampicata sportiva e quella trad, o classica che dir si voglia, la piolet traction sul ghiaccio e il misto moderno sulle grandi montagne. Dalla palestra indoor fatta di pan gullich e trave fino all’alpinismo estremo ho provato tutto e avevo organizzato la mia prima spedizione extraeuropea per aprire una nuova via nelle Gole di Taghia, in Marocco, quando la mia vita estremamente sportiva si è arrestata di colpo il 23 settembre 2009.

Sono caduto, non so perché e nessuno ha visto, forse ho sbagliato a mettere poche protezioni ma il succo è che queste cose succedono quando non si è concentrati e ci si illude di avere il completo controllo della situazione perché “è facile”. Mi sono svegliato 10 giorni dopo in ospedale che mi avevano già operato più volte e il peggio era ormai passato. La botta in testa e la conseguente frattura le ho superate in fretta ma la caviglia è un problema che probabilmente non risolverò mai più. È stata dura per molto tempo e non potendo fare sport ho studiato, mi sono laureato e mi sono dato alla ricerca scientifica in arrampicata, ho avuto buoni risultati ma non in salute. Così dopo 2 anni ho deciso per un operazione sperimentale di protesi. Dopo 3 anni e mezzo sto ancora lottano per tornare a fare qualcosa di quello che facevo prima, in primis camminare senza dolore. Sono tornato ad arrampicare fino al 7c e 7b a-vista e quest’inverno sono riuscito a sciare, non riesco come prima ed è una lunga battaglia che forse non avrà mai fine ma adesso l’arrampicata è il mio lavoro e la passione e la voglia di tornare non mi mancano. Ho recuperato un po’ e sto anche provando a correre, sarebbe un miracolo!! Ho imparato a lottare davvero, altro che rugby, ed ora so che non smetterò più di farlo, è un messaggio per cui vorrei che la mia esperienza fosse d’esempio per tutti, come per il rispetto che provo per la natura e per il pianeta in cui viviamo. Per me l’alpinismo estremo è stato un modo per entrare a diretto contatto con la realtà e mi ha insegnato a vivere, oggi ne elogio la purezza e semplicità, credo inoltre che ognuno di noi possa farlo nelle azioni quotidiane, in piccolo certo ma non per questo di minor qualità".

 

 

Luca Matteraglia

 

ADVENTURE OUTDOOR FEST by Adventure Outdoor Italia ASD -Piva: 04941510283 - www.adventureoutdoorfest.com - web Master, www.vitaletti.it